Albero genealogico favorevole

Pensandoci bene, nella mia famiglia di storie legate all’adozione in qualche modo ce ne sono state parecchie.

Alla famiglia di mio bisnonno (un Fabbro, dunque) furono affidate due bambine di Buja, sorelle pesantemente maltrattate e sfruttate nel lavoro dei campi dai genitori, che da grandi emigrarono in Francia. Ricordo ancora che quando ero piccina c’è stata qualche estate in cui si presentavano delle signore molto anziane a salutare mio padre, a salutare di nuovo il cortile in cui sono cresciute. 

Mia nonna faceva parte di quella grande famiglia di proprietari terrieri, contadini quasi nobili, dei Masone di Arba di Buja, una famiglia che ha vissuto lì, nella stessa corte, con certezza dal ‘700 in poi. 

La famiglia Masone ha accolto diversi orfani del paese, fatti documentati da testi dell’archivio di Monte. In pratica le famiglie che potevano permetterserlo dichiavano con un atto notarile – tramite vicario, perciò –  di fare “in perpetuo” qualcosa (in sostanza per sempre!) per poter ottenere una messa all’anno per la salvezza della propria anima.

La famiglia in questione per la messa annuale dei suoi numerosi membri poteva permettersi di donare in perpetuo l’olio per l’illuminazione della Pieve di Monte di Buja (dove ci siamo sposati Andrea ed io e battezzato Daniele, tra l’altro);  di dare l’elemosina annualmente e in perpetuo durante la processione di un Santo  ai poveri sotto forma di pane di segale (puah!) e frumento; di “dar vito alogio e schola a un orfano di Buja”.

 Mia mamma, invece, è orfana di guerra. Mio nonno Annibale dopo il ’43 non è mai rientrato a Buja, lasciando moglie e tre figli di cui uno mai conosciuto. Un disperso di guerra, le ultime lettere tra Pola e Fiume. Sposata tardi per l’epoca, a 29 anni. E primipara attempata: a 42 anni sono nata io! Prima, però, non erano certi di poter avere figli, non arrivandone. Perciò i miei genitori hanno pensato di adottare una bambina, pensavano alle Filippine, se non ricordano male. Mia nonna – Masone – era assolutamente contraria a questo gesto.

Un albero genealogico decisamente favorevole 🙂

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Albero genealogico favorevole

  1. piera ha detto:

    ricordo benissimo quando pensava di essere entrata in menopausa ed invece sei arrivata tu!! il giorno che sei nata Silvia ,mia sorella ed io siamo venute giù in ospedale e sembrava fosse natale….

    • stiamoadottando ha detto:

      Ma come è possibile, Piera, che tu hai così tanti ricordi su di me ed io non ne ho di te, escludendo ciò che mi hanno raccontato i miei genitori e le foto della tua comunione – sorella inclusa – ???? 🙂

  2. piera ha detto:

    perchè tu eri piccina picciò..e i tuoi genitori sono “santoli” di battesimo rispettivamente tuo papà di mia sorella e tua mamma mia..<3

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...