“Qui non ci sono scarpe per te, anche se hai i soldi per pagarle. “

“Qui non c’è nulla per te, non importa se hai denaro per comprare ciò che io ti posso vendere. Non importa che il mio interesse sia vendere. Per il fatto che hai la pelle scura io non voglio avere nulla a che fare con te”. Lei è Francesca, una donna di 33 anni, di origini indiane, adottata all’età di quattro da una famiglia italiana. Vive a Torino da 29 anni. Lavora in uno studio legale, ha abitudini, amici, look italianissimi. Eppure il senso della risposta che si è sentita dare in un negozio di un grande centro commerciale pochi giorni fa quando è entrata per scegliere un paio di scarpe è proprio questo. Un gesto scontato prima di partire per un viaggio: scegliere qualche indumento adatto alla gita. Per Francesca non è lo stesso. Non è sufficiente che parli perfettamente la lingua, non basta che abbia un viso grazioso e occhi scintillanti e puliti. Il colore della sua pelle, in qualche luogo, la rende ancora “diversa”. LEI non se ne stupisce e dice “è una cosa con cui faccio i conti da sempre, tante volte ho esitato prima di entrare in un negozio e ho preferito aspettare di tornarci con mia madre, è un fatto evidente che quando sono sola il trattamento che ricevo è diverso”. Il “sentimento razzista”, quello che negli anni Sessanta a Torino teneva fuori dalle case e dai luoghi di lavoro gli immigrati dal Sud, è vivo più che mai.

Potrebbe quella donna del negozio di scarpe aver risposto che non aveva nulla da venderle per qualche altra ragione se non per il fatto che il colore della sua pelle è diverso? “Ho anche provato a immaginare una ragione alternativa – dice Francesca – ma certi toni e certi sguardi sono inconfondibili, è anche umiliante doverlo ammettere, ma non c’è equivoco possibile, sono sicura”. Insieme con lei era nel negozio la sorella. “Passeggiavamo per i centro commerciale e ho visto in vetrina quelle scarpe un po’ tecniche che potevano servirmi per le escursioni più impegnative, ho visto che c’era anche il mio numero tra quelli disponibili e così siamo entrate. Una signora di mezza età mi è venuta incontro e mi ha chiesto cosa desideravo, io ho risposto che cercavo un paio di scarpe e lei mi ha chiesto per chi fossero. ‘Per me’, ho detto. Allora lei ha risposto ‘mi dispiace non abbiamo niente’. Non mi ha chiesto modello o numero, mi ha liquidata così, e ha aspettato che uscissi”. Nella domanda: “per chi sono?” c’è il senso dell’intera faccenda.

Francesca non l’avrebbe mai raccontato se non fosse stato per un’amica che ha provato enorme vergogna nel sentire il resoconto di una simile follia. Francesca che è uscita senza dire una parola avrebbe messo l’episodio nel cassetto delle umiliazioni sopportate con rassegnazione, una delle tante. “Sì, ho pensato che avrei ripiegato su un grande magazzino di attrezzature sportive, almeno lì ti cerchi da sola ciò che ti serve, modello e numero di scarpe, e alla cassa ci vai solo per pagare”. Una soluzione accettabile, se non fosse per la ragione che la impone. Se non fosse per il pensiero che è costretta a fare una ragazza indiana che subisce la violenza di essere tenuta “ai margini” perché il suo aspetto esteriore evoca origini lontane. Che ha denaro per comprare un oggetto che desidera ma per qualche motivo le viene negato il diritto di spenderlo.

Le scuole torinesi sono felicemente multietniche da anni, i bambini e i ragazzi vivono con estrema naturalezza il fatto di avere compagni africani o cinesi, o indiani. E’ una delle ricchezze della città. Come è possibile, allora, che una testimonianza come quella di Francesca riporti l’immagine di una realtà così diversa? “In effetti se devo pensare a un periodo della vita in cui ho avvertito meno la sensazione della discriminazione sono stati proprio gli anni della scuola – racconta lei – i miei genitori adottivi mi hanno iscritta in una privata pensando che l’ambiente fosse più protetto e che corressi meno il rischio di incontrare umiliazioni. La città non era ancora meta di grande immigrazione dai Paesi extracomunitari, perciò temevano che mi potessi trovare in situazioni difficili. Invece è stato un periodo molto sereno. E devo ammettere che anche nella ricerca del lavoro mi sono sentita a tutti gli effetti una cittadina italiana: ho un contratto a tempo indeterminato in uno studio legale come segretaria e mi trovo benissimo”.

Poi però si verificano fatti assurdi nelle circostanze più inaspettate. “La storia delle case non date è ancora vera, per esempio. Io ho fatto una fatica incredibile a comprare l’appartamento dove vivo. Abitavo con i miei genitori a San Salvario e mi piaceva l’idea di restarci anche perché lo consideravo uno dei quartieri più multietnici di Torino. Invece era impossibile convincere i proprietari che ero una cliente affidabile. Una volta, presente l’agente immobiliare, il padrone dopo avermi vista disse che lui non la vendeva la sua casa agli extracomunitari. Io avevo persino una lettera di referenze dagli avvocati dello studio, non ci fu nulla da fare”. Alla fine anche per questo Francesca ha aggirato l’ostacolo. Con pazienza, attraverso il passaparola ha trovato una casa e un proprietario senza pregiudizi. Ma è come per le scarpe, in fondo. Esiste una ragione valida per cui la conquista di un diritto indiscutibile debba passare attraverso mille porte chiuse in faccia? “No, non esiste – dice Francesca e quella che risponde è una persona che si considera privilegiata rispetto alla maggior parte degli stranieri che arrivano qui per guadagnarsi da vivere -. Non so immaginare quali fatiche e umiliazioni siano quotidianamente costretti a subire”.

fonte: Repubblica Torino / Cronaca / 4 agosto 2013
http://torino.repubblica.it/cronaca/2013/08/04/news/qui_non_ci_sono_scarpe_per_te_anche_se_hai_i_soldi_per_pagarle-64244117/

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...